Terra bruciata! Il laboratorio italiano della ferocia nazista

CAST

  • Regia: Luca Gianfrancesco
  • Attori:Antonio Pennarella,Paola Lavini,Mino Sferra- Giacomo Di Gasparro,Arturo Sepe- Rocco Piscitelli,Antonello Cossia- Silvio Valente,Lucianna De Falco- Giovannina,Vincenzo Iulianiello- Testimone oculare,Graziella Di Gasparro- Figlia di una delle vittime,Andrea Maccarone- Deportato in Germania,Ziva Modiano- Internata campo per gli ebrei,Elena Valente- Testimone oculare,Carlo Gentile- Professore di Studi Ebraici,Giuseppe Angelone- Docente di Cinema, Fotografia e Televisione,Giovanni Cerchia- Docente e scrittore,Felicio Corvese- Docente e scrittoe,
    Isabella Insolvibile- Consulente delle procure militari
  • Soggetto: Luca Gianfrancesco
  • Sceneggiatura: Luca Gianfrancesco
  • Musiche: Antonio Fresa
  • Montaggio: Luca Gianfrancesco
  • Scenografia: Rosa Castrillo, Filippo Sparracino
  • Costumi: Antonella Fargnoli
  • Effetti: (Rainbow) (Vincenzo Nisco), Nuccio Canino
  • Suono: Raffaele Gianfrancesco – (presa diretta), Nino Tropiano – (presa diretta), Omar Noviello – (presa diretta)
  • Aiuto regia: Mario Travaglini
dal 30/04/2018
al


20:30

La mattina del 1° novembre 1943, a Conca della Campania, un minuscolo borgo della provincia di Caserta, 19 civili vengono trucidati da una pattuglia di militari tedeschi. Graziella Di Gasparro, figlia di uno dei caduti, lotta strenuamente da anni per tener viva la memoria di quell’eccidio dimenticato. L’assassinio del padre di Graziella fu il terribile epilogo della brutale occupazione del territorio che l’esercito tedesco mise in essere in tutta la Campania centrosettentrionale a partire dall’8 settembre, data dell’armistizio. Il casertano – primo territorio italiano ad essere dichiarato “Zona di Operazioni” – dovette sperimentare la devastante onda d’urto delle brutali leggi di guerra germaniche che si accanirono contro la popolazione civile. L’esautorazione delle istituzioni, le razzie dei beni di consumo, il rastrellamento e la deportazione degli uomini abili verso i campi di lavoro in Germania – furono circa 21.000 – e le devastazione degli impianti produttivi, delle infrastrutture e delle abitazioni civili sono le condizioni nelle quali maturarono le ragioni che diedero vita alle prime azioni di resistenza organizzate dai civili in Italia. Dopo le Quattro Giornate di Napoli, a Riardo, un piccolo centro a pochi chilometri da Capua, una banda Partigiana riesce a scacciare con le armi i tedeschi dalla cittadina mentre le istituzioni e gli abitanti di Tora e Piccilli, con il silenzio, salvano una cinquantina di ebrei dalla deportazione. Ed è proprio in risposta a questa insubordinazione, ormai diffusa sul tutto il territorio, che i comandi tedeschi danno libero sfogo al dissennato campionario di violenze contro la popolazione civile che causò 752 vittime. Caserta, infatti, è la provincia dell’Italia meridionale più colpita dallo stragismo nazista. La strage di Conca della Campania, quindi, secondo la tesi dello storico Giuseppe Angelone, assume un ruolo chiave per comprendere al meglio quel processo che trasformò l’occupazione tedesca dell’Italia da una presenza militare “tollerata” ad un’egemonia aggressiva e violenta nei confronti della popolazione civile. Graziella, dopo anni di sofferenze, con la visita dell’ambasciatrice tedesca a Conca della Campania, in occasione della 73° commemorazione della strage, oltre al riconoscimento per le sofferenze, sue e dei suoi concittadini, ha finalmente avviato un processo di riconciliazione con il suo tragico passato.